Confartigianato Imprese Perugia – Approvazione DL Ristori nelle Commissioni in Senato

Confartigianato Imprese Perugia – Trattamenti di integrazione salariale ordinaria e in deroga e assegno ordinario con causale Covid-19
10 Dicembre 2020
Confartigianato Imprese Perugia – Trasferimenti: definiti i criteri di ripartizione e le modalità di accesso ai contributi dei Comuni delle Aree interne
16 Dicembre 2020

Le Commissioni Bilancio e Finanze del Senato hanno approvato il DL Ristori che da lunedì sarà all’esame dell’Aula.

Il ddl di conversione del DL Ristori (DL 137 del 2020) all’esame delle Commissioni Bilancio e Finanze del Senato (AS 1994), come noto, era stato integrato, nel corso dell’iter parlamentare con i successivi DL Ristori. In particolare l’emendamento del Governo 1.1000 aveva trasfuso nel DL Ristori il DL 149 del 2020 (DL Ristori bis) e, successivamente, l’emendamento del Governo 1.1000/3000 aveva inserito il DL 154 del 2020 (DL Ristori ter) e il DL 157 del 2020 (DL Ristori quater).

In questo modo il provvedimento è diventato un unico “contenitore” di tutte le misure di ristoro varate nell’ultimo mese e mezzo dal Governo, al quale abbiamo proposto la presentazione di emendamenti in tutte le diverse fasi di discussione.

Grazie all’azione confederale – le nostre proposte emendative sono state recepite da tutte le forze politiche e ciò ha consentito che ci fosse una convergenza tra maggioranza e opposizione sulla loro approvazione – sono “entrate” nel provvedimento misure importanti per le nostre imprese:

  • la proroga per tutto il 2021 dello sgravio contributivo al 100% per i contratti di apprendistato di primo livello per la qualifica e il diploma professionale per i primi 3 anni per le micro imprese (con un numero di addetti pari o inferiore a 9), pur rimanendo prioritaria la proroga per apprendistato professionalizzante sulla quale continueremo la nostra azione;
  • la detassazione di ogni contributo, indennità e ogni altra misura a favore di imprese e lavoratori autonomi relativi all’emergenza Covid- 19, da chiunque erogati (anche enti locali, Comuni, CCIAA, Regioni);
  • la specifica che la cancellazione della seconda rata dell’IMU per le zone rosse si applica alle zone rosse come individuate alla data del 26 novembre 2020 sulla base delle ordinanze adottate ai sensi del DPCM 3 novembre 2020;
  • l’assegnazione alle Regioni di un contributo di 110 milioni di euro destinato al ristoro delle categorie soggette a restrizioni a seguito dell’emergenza Covid-19. Il riparto delle risorse sarà effettuato, con decreto del MEF, sulla base della proposta effettuata dalle Regioni in sede di auto-coordinamento, da adottarsi entro il 31 gennaio 2021 con i seguenti criteri:
  • nella misura del 50% per le zone rosse;
    • nella misura del 30% per le zone arancioni;
    • nella misura del 20% per le zone gialle.
  • Riduzione degli oneri delle bollette elettriche. La riduzione riguarda le voci della bolletta identificate come “trasporto e gestione del contatore” e “oneri generali di sistema” e rinvia a un intervento dell’Arera, per i mesi di novembre e dicembre 2020, per la “riduzione della spesa sostenuta dalle utenze elettriche connesse in bassa tensione diverse dagli usi domestici” con partita IVA attiva al 25 ottobre e rientrano nei codici Ateco previsti dai decreti;
  • un incremento di 390 milioni di euro del Fondo che il comma 1 dell’art. 200 del DL Rilancio aveva previsto per il sostegno al trasporto pubblico locale e regionale con una dotazione iniziale di 500 milioni di euro per l’anno 2020 e destinato a compensare la riduzione dei ricavi tariffari relativi ai passeggeri nel periodo dal 23 febbraio 2020 al 31 gennaio 2021 rispetto alla media dei ricavi tariffari relativa ai passeggeri registrata nel medesimo periodo del precedente biennio. Le risorse aggiuntive possono essere destinate, nel limite di 190 milioni di euro, per servizi aggiuntivi di trasporto locale e regionale destinato a studenti nell’anno 2021.

Inoltre, sia pure nel limite di 90 milioni di euro, probabilmente insufficienti a garantire una efficace integrazione dei servizi di TPL, le Regioni e i Comuni possono ricorrere, mediante apposita convenzione e imponendo obblighi di servizio, a operatori economici esercenti il servizio di trasporto passeggeri su strada ai sensi della legge 218 del 2003 nonché ai titolari di licenza taxi e di autorizzazione per l’esercizio del servizio di noleggio con conducente.

Il provvedimento, sul quale probabilmente verrà posta la fiducia in Aula per velocizzarne l’approvazione, sarà, dopo l’esame da parte del Senato, trasmesso alla Camera “blindato” dato che dovrà essere convertito in legge entro il prossimo 28 dicembre.

Si rinvia alle comunicazioni delle singole Direzioni per gli approfondimenti.

Si coglie infine l’occasione per allegare l’Ordinanza firmata dal Ministro della Salute Speranza e appena pubblicata in Gazzetta Ufficiale che, sulla base dei dati disponibili della Cabina di Regia riunitasi ieri, disporrà l’area gialla per la Basilicata, la Calabria, la Lombardia e il Piemonte e l’area arancione per la Regione Abruzzo. L’ordinanza sarà in vigore da domani, 13 dicembre.

Per maggiori informazioni : info@confartigianatoperugia.com – 075997000